L'Olio di Oliva - Cooperativa Vitulia
654
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-654,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

L’Olio di Oliva

La storia della Calabria è rigorosamente connessa all’olio di oliva ed all’albero che permette di generarlo.
L’olivo ed i suo prezioso frutto hanno scandito il ritmo incalzante del tempo nel corso dei secoli delle popolazioni mediterranee.
Dalle tavole di Eraclea, forse il primo esempio di come i regolamenti si potessero codificare, si evince come la colonia di Sibari, la più illuminata e ricca città della Magna Grecia, basasse la sua opulenza sulla produzione ed il commercio  dell’olio di oliva.
La Magna Grecia, portata dagli storici dell’antichità come esempio di civiltà fine e  armonica, visse nel rispetto di questo pianta, che non ha consanguinei, e’ unica e sola!
Nei secoli a venire nella simbologia e nei miti fin dalla preistoria, ed è emblema di pace, forza, fede, trionfo, vittoria, onore.
Omero nei suoi poemi citò l’olivo: lo assurse a simbolo di pace e di vita;era considerato, al suo tempo,una pianta sacra al punto che chiunque fosse sorpreso a danneggiarlo veniva punito con l’esilio.

Dell’ulivo si parla già nel libro della Genesi e sono circa settanta le citazioni che se ne fanno nella Bibbia. Lo stesso nome di Gesù, Christos, vuol dire semplicemente unto.
Proprio nella religione cristiana la pianta d’olivo ricopre molte simbologie. Dal ritorno della colomba liberata da Noè all’arca con un ramoscello d’ulivo nel becco, l’olivo assunse un duplice significato: diventò il simbolo della rigenerazione, perché, dopo la distruzione operata dal diluvio, la terra tornava a fiorire; diventò anche simbolo di pace perché attestava la fine del castigo e la riconciliazione di Dio con gli uomini.
Nei nostri oliveti regna la pace e la simbiosi con la natura. Lo affiancano qualche albero di mandorlo a segnarne i confini ed il fico, sparso qua e là’, simbolo di abbondanza e perfetto suo consociato.
Estraiamo un olio extra vergine raccolto ancora con tecniche semplici e millenarie:protagonista è sempre l’uomo con il suo sapere tramandato, con le sue mani perché solo quelle sanno rispettare i rami dell’Ulivo.
Le nostro olive sono della specie Carolea, cresce solo in Calabria ed ha il vantaggio di saper essere eccellente in premitura ed a tavola.
Rispettosi del nostro passato, scandito e raccontato da questo albero, ad esso ci chiniamo per essere orgogliosi e fieri custodi della tradizione guardando all’ avvenire con fiducia.