Clementine - Cooperativa Vitulia
584
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-584,theme-bridge,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Clementine

Abbiamo un appezzamento di piante di clementino (circa 250 piante di oltre 30 anni) che sono entrate a tutti gli effetti in regime biodinamico.

Ma la storia di questo “ u’barcu” (agrumeto in calabrese) è assai singolare.
Per molti anni (almeno 10) sebbene fosse inserito in una azienda biologica, è stato totalmente trascurato per motivi familiari aziendali.
Quando è entrato nella gestione della Cooperativa Vitulia le piante erano completamente coperte di infestanti e rovi. Il diametro delle clementine era molto inferiore a quello di una clementina curata. Ma la cosa ancora più evidente era il numero esagerato di semi che ogni singola clementina aveva: la pianta – palesemente in difficoltà per assenza di potatura, di concimazione, di irrigazione – reagiva a questa situazione drammatica cercando di riprodursi per non sopperire, ovvero produceva innumerevoli semi in ogni clementina che la pianta riusciva a portare a maturazione.
Tutto questo comportava clementine minuscole, piene di semi quindi non adatte come frutto per alimentazione.

Abbiamo quindi iniziato a recuperare l’agrumeto con la migliore tecnica biodinamica che potevamo adottare e nell’inverno 2014 abbia fatto a tutte le piante un trattamento individuale con pasta da tronchi biodinamica (pratica sconosciuta nel sud italia, mentre ben nota nell’Europa Continentale) che consiste nello spazzolare il tronco di ogni singola pianta per togliere corteccia vecchia e pulire eventuali aree dove possano nidificare insetti parassiti; poi tutto il tronco viene ricoperto per mezzo di un pennello con una pasta costituita da letame fresco di mucca, argilla naturale e clementine spremute.

Il risultato di tutto questo lavoro “svolto in sinergia con le piante di clementine” è stato:

  • piante sane e rigogliose
  • frutti di buon diametro, succose e dolci
  • quasi totale assenza di semi nei frutti

Ovvero le migliori clementine di tutto il medio Jonio Calabrese
Le proponiamo come frutta fresca, come marmellata con zucchero di canna, come crema con stevia (clementine da spalmare) e stiamo sperimentando anche un succo estratto a freddo con pastorizzazione a bassa temperatura.